• 339 1501955
  • borghiesentieridellalaga@gmail.com

Morrice

Per gentile concessione di Sonia Milotti :

Per gentile concessione di Ascenzina Amici:

 Castagno secolare Morrice (castagno di Nardò). Monti della Laga

Roberto Gualandri

IN CAMMINO ALLA SCOPERTA DEI BORGHI RURALI DELLA LAGA
26) MORRICE, NEL PAESE DELLE ROCCE…UN MAESTOSO PATRIARCA NARRA LA STORIA

Ci sono luoghi poco noti che sorprendono già per la derivazione del loro toponimo, come nel caso attenzionato.
C’è un oronimo in particolare ritenuto tra i più antichi d’Abruzzo, che sarebbe addirittura legato alle origini preindeuropee dell’homo Aprutinus sui Monti della Laga.
È la “Morra”, ovvero, la “pietra”, il “macigno”, un termine portato fino ai nostri giorni grazie alla cultura “conservativa” pastorale, essenzialmente fondata dai due elementi di sussistenza del primitivo pastore: la pietra e l’acqua.
Da ciò trae origine Morrice, frazione di Valle Castellana, paese costruito a 837 metri di altitudine sulle rocce del versante abruzzese della Valle del Torrente Castellano.
Un luogo particolare questo; qui infatti, il sottostante corso d’acqua si fa meno ripido ed impetuoso, disegnando un sinuoso percorso tra verdeggianti alture, assai suggestivo…
Allungato a mezza costa in posizione davvero privilegiata, il borgo è ancora armonioso allo sguardo, nonostante gli evidenti danni agli edifici che continuano a tenere purtroppo lontani, gli affezionatissimi residenti.
C’è tuttavia una rassicurante presenza a presidio del villaggio: è attualmente da considerare come l’unico segnale di continuità verso una Comunità che attende di riprendere il cammino…
È un Castagno secolare, noto come il Piantone di Nardo’, un Patriarca ragguardevole (si stimano oltre 500 anni di età) inserito nell’elenco degli alberi monumentali d’Italia, grazie ai suoi 14 metri di circonferenza basale.
Un eccezionale esempio di longevità e di forza vitale, a cui tutti guardiamo con ammirazione e stupore….
Ma ancor più da considerare è…l’espressione autentica del corretto rapporto tra uomo e natura, che sulla Laga, più di ogni altro luogo, continua magicamente a scandire lo scorrere del tempo…
27 agosto 2021

Fabio Cuna
Incontro con ( se non sbaglio è correggetemi ) Capra Teramana, tra Morrice e Pietralta , domenica 30/1/22

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.